Sono stati presentati questa mattina, da parte dell'Assessore ai Servizi Sociali Piero Vercelli e di quello alle attività economiche Marta Parodi, due progetti di pubblica utilità (PPU) finanziati dalla Regione Piemonte nell'ambito del Fondo Sociale Europeo.
Proseguono senza soste gli interventi di prevenzione idraulica sul territorio comunale da parte dei Volontari della Protezione Civile di Asti.
Anche la Regione Piemonte è contraria all'art.35 del decreto “Sblocca Italia” che prevede l'autorizzazione alla massima capienza degli inceneritori ed il conseguente “pendolarismo” dei rifiuti da una parte all'altra del paese.
E' un periodo molto intenso per la Protezione Civile di Asti per la prevenzione di rischi idraulici e la pulizia straordinaria di aree protette.
E’ stata effettuata ieri la consegna del cantiere alla ditta Coedis di Casale Monferrato, risultatata aggiudicataria della gara d’appalto per la realizzazione delle fognature a Valmanera.
A vent’anni dall’alluvione il Comune di Santo Stefano Belbo avvia un imponente piano di tutela e pulizia del torrente Belbo.
"Un'iniziativa lodevole e con ottime prospettive di crescere sul nostro territorio per favorire ricadute positive sul piano socio economico e ambientale",così il vice sindaco del Comune di Asti, Davide Arri, ha commentato l'attività sviluppata a Torino, in questi anni, dall'impresa sociale Triciclo, braccio operativo del consorzio per la gestione dei rifiuti Amiat, presentata ad Asti in chiusura del progetto europeo CERREC (Central Europe Repair and Re-Use Centres and Networks), in occasione della nona edizione della Notte dei Ricercatori.
Ieri il Sindaco di Asti Fabrizio Brignolo, con un sopralluogo alle Trincere, ha constatato come i lavori di abbattimento selettivo delle piante procedono regolarmente dallo scorso 22 settembre rispettando la tempistica prevista.
Continuano i lavori di prevenzione rischio idraulico effettuati dai Volontari della Protezione Civile di Asti, sotto il coordinamento Ufficio Acque Pubbliche.
DoUn gruppo di professionisti e non, accomunati dalla passione per le aree verdi, attività ludiche e soprattutto attività da svolgersi all'aria aperta, insieme, forti anche delle proprie competenze professionali (tre sono architetti) decidono di impegnarsi per riqualificare e valorizzare parchi e giardini della città. 
Pagina 6 di 53