Oltre una ventina di bovini erano detenuti in condizioni di sovraffollamento, di igiene precaria e di Montemagno. Nei giorni scorsi un intervento congiunto dei Servizi Veterinari dell’ASL e della Forestale di Asti ha posto fine alla grave di situazione di sofferenza in cui versavano gli animali detenuti all’interno di una cascina a Montemagno.
I rifiuti solidi urbani prodotti nel 2013 in Piemonte sono scesi sotto la soglia psicologica di due milioni di tonnellate all’anno, con una riduzione del 2% rispetto all’anno precedente.
Le Associazioni WWF, LAV, LAC e Pro Natura hanno presentato una diffida alla Provincia di Asti, che ha prorogato per il 2015 i piani di contenimento 2011-2014 relativi alle seguenti specie: volpe, cinghiale, nutria, gazza e minilepre.
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Alessandro Mortarino, Comitato Astigiano a favore delle Acque Pubbliche, sull'acquedotto del Comune di Castello di Annone e in generale sulla gestione della rete idrica nella provincia di Asti.
L'amministrazione comunale di Agliano Terme, unendosi così a quella della capofila Calosso, ha aderito formalmente all'ambizioso progetto di valorizzazione e tutela dell'area umida del Paludo.
E' stato eletto il nuovo direttivo dell'Associazione Deodara per l'Ambiente per il triennio 2015/2018. 
Ristrutturazione e rilancio della Bottega del Grignolino e sviluppo del progetto di recupero ambientale legato alla nuova vigna della comunità  ormai nota come "Vigna del Papa" sono stati i principali argomenti dell'incontro con l'Assessore regionale all'Agricoltura Giorgio Ferrero di venerdì 16/01/2015a Portacomaro.
A Nizza Monferrato la giornata di domani, sabato 17 gennaio, sarà dedicata all'approfondimento delle tematiche del restauro e della valorizzazione del paesaggio, che assumono una crescente importanza in virtù del recente riconoscimento, da parte dell'Unesco, a "Patrimonio dell'Umanità" dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato. 
Negli ultimi tempi il paese di Mombercelli è stato protagonista di diverse azioni relative alla tutela e alla salvaguardia del territorio locale. 
L’importante responsabilità di una gestione accorta e lungimirante dei paesaggi viticoli di Langhe-Roero e Monferrato, riconosciuti dall’UNESCO “Patrimonio dell’Umanità”, non può prescindere da una approfondita conoscenza delle problematiche di ordine agronomico e forestale, anche e soprattutto nella prospettiva di assicurare una costante redditività alle aziende agricole presenti sul territorio. 
Pagina 1 di 53