È stata ricevuta alle 19,00 di oggi, trasmessa direttamente via mail dall'assessore Saitta al sindaco Brignolo, la copia della delibera assunta oggi dalla Giunta Regionale che, come promesso, ripristina i cinque reparti originariamente soppressi all'ospedale di Asti.
Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni di Sergio Chiamparino sulla delibera di integrazione alla revisione della rete ospedaliera.
Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni di congiunte di Angela Motta e Giorgio Ferrero in merito alle decisioni definitive della Regione sulla riorganizzazione ospedaliera locale.
Ci sono stati incontri tecnici di affiancamento con il Ministero della Salute e con Agenas, insieme a due mesi di confronto con i territori attraverso le assemblee dei sindaci e consultazioni con le aziende sanitarie alla base della delibera - approvata questa mattina dalla Giunta regionale - che contiene importanti integrazioni al provvedimento del novembre scorso sulla revisione della rete ospedaliera.
La giunta comunale riunita d’urgenza oggi pomeriggio,ha deliberato ufficialmente di soprassedere dalla proposizione del ricorso al Tar contro la Regione Piemonte, per la delibera di riorganizzazione dell’ospedale.
Sabato 24 gennaio alle ore 10,30, al Circolo Way-Assauto, i rappresentanti dei Comitati per la difesa dell’ospedale (cittadini e lavoratori Asl) e le associazioni di pazienti e volontari ospedalieri commenteranno la delibera di adeguamento della rete ospedaliera della Giunta Regionale.
Il ricorso resterà nel cassetto” dichiara il sindaco Fabrizio Brignolo, dopo aver letto la lettera, ricevuta in tarda mattinata dall’Assessore Regionale alla sanità Saitta, che contiene in via ufficiale le rassicurazioni sul futuro dell’ospedale astigiano e dopo aver consultato nel pomeriggio la conferenza dei capigruppo del consiglio comunale.
La legge di Stabilità ha previsto uno stanziamento di 400 milioni di euro per l’anno 2015 del Fondo per le non autosufficienze, anche per gli interventi a sostegno delle persone affette da Sclerosi laterale amiotrofica (Sla).
Hanno ammesso di non essere mai stati coinvolti in passato dalla Regione Piemonte nella reale programmazione della sanità territoriale, ma di aver solo partecipato a trattative sindacali.
Rimane in stand by il ricorso del Tar contro le decisioni della Giunta Regionale riguardo al ridimensionamento dell'ospedale Cardinal Massaja di Asti, dopo l'incontro tra l'assessore Saitta e i sindaci dell'astigiano che si è tenuto lunedì scorso all'Asl. 
Pagina 2 di 43