“Grazie all’intenso lavoro del Piemonte e dell’assessore Quaglia gli esonerati delle Asl piemontesi, assimilabili per condizione ai tristemente noti “esodati”, non sono stati dimenticati come è forse accaduto in altre parti d’Italia. Così il presidente della Conferenza nazionale delle Regioni, Errani, su preciso invito del nostro assessore al Bilancio, ha di nuovo sollecitato il ministro Fornero a una rapidissima soluzione del problema. Ora auspico che da Roma arrivino risposte concrete e in tempi brevi per un problema enorme che, va ricordato, proprio Roma ha improvvidamente creato”.
E’ stato raccolto l’invito rivolto dalla Regione Piemonte al presidente della Conferenza delle Regioni. Vasco Errani, che oggi ha risollecitato formalmente un incontro al ministro Fornero sul tema degli esonerati della pubblica amministrazione”. 
Agenzie formative vittime di una disparità di trattamento. Il blocco operato dal Governo Monti alle iscrizioni on-line verso le agenzie formative non può essere letto diversamente visto che la Regione Piemonte ha percorso tutte le strade possibili per far comprendere le conseguenze e i disagi che questa scelta può creare sul territorio locale e nazionale. Non usa mezzi termini l’assessore al Lavoro del Piemonte.
La Giunta regionale, nella seduta di fine dicembre, ha approvato i criteri per la costituzione e il riconoscimento delle “Strade dei prodotti agricoli e agroalimentari di qualità”.
Durante la Commissione sanità di ieri è stato analizzato il documento della società Deloitte sull’analisi dei conti della Regione Piemonte e in particolare della sanità, dove è evidenziato il famoso buco da quasi 900 milioni di euro nato da impegni verso le Asl cancellati dalla Regione nel 2007. 
“Apprezziamo l’interessamento dell’on Esposito sulla questione degli sgravi contributivi per i lavoratori in mobilità. Vorrei infatti sottolineare come il Piemonte sia la prima regione d’Italia che ha dato indicazioni ai centri per l’impiego proprio al fine di tutelare questa tipologia di lavoratori, confidando che nulla sia ancora definitivo e quindi aperto a modifiche”. Così l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte Claudia Porchietto. 
L’11 dicembre nella Sala dei Morando di Palazzo Lascaris, convocate dal presidente del Consiglio regionale, Valerio Cattaneo, si sono riunite in sequenza le sei Commissioni permanenti per rinnovare l’Ufficio di presidenza, a metà legislatura, come previsto dal Regolamento interno. 
L’Assessorato regionale all’agricoltura monitora con costante attenzione la problematica relativa ai disagi conseguenti al proliferare della fauna selvatica, situazione che si concretizza in una notevole serie di danni alle produzioni agricole in campo, provocati in particolar modo dai cinghiali e dagli altri ungulati.
Mercoledì, 09 Gennaio 2013 17:50

Prosegue in Regione il dibattito sul bollo auto

Si è conclusa con la richiesta di una gestione diretta da parte della Regione della riscossione del bollo auto, la seduta straordinaria del Consiglio regionale dell’8 gennaio sulla vicenda della società Gec.
All’unanimità l’8 dicembre l’Assemblea di Palazzo Lascaris ha approvato in seconda lettura, cioè definitivamente, la modifica statutaria che istituisce il Collegio dei revisori dei conti. 
Pagina 63 di 64