Bene le ordinanze di quei Comuni astigiani che consentono, con rigide regole di sicurezza, la “combustione” di sfalci e residui della potatura, un appello a che la disposizione a favore dei “falò” sia recepita da tutte le amministrazioni comunali della provincia, e la richiesta che si estenda il via libera, sempre nel rispetto delle più rigide misure antincendio, anche alla combustione del materiale ottenuto dalla pulizia dei boschi.
"Una prima insufficiente risposta alla nostra mobilitazione, che non si fermerà fino a quando non saranno adottate misure adeguate per superare una crisi che rischia di compromettere per sempre il frutteto italiano e con esso l’economia, il lavoro e l’ambiente".
L’inconsueto andamento climatico di quest’anno, con un brevissimo anticipo di bel tempo subito dopo la fine dell’inverno, seguito da un interminabile periodo di piogge e temperature pressoché costantemente al di sotto della media, ha determinato gravissimi danni agli apicoltori della nostra regione.
Accompagnato da una nota a firma del Presidente e del Direttore, è stato inviato all'Autorità di Gestione del PSR del Piemonte il documento di Coldiretti contenente le proposte e le osservazioni dell’Organizzazione rispetto al PSR 2014/2020, così come approvato dal Consiglio Direttivo di Coldiretti Piemonte, dal titolo "lo Sviluppo Rurale che Vogliamo".
Gli effetti dell’embargo imposto dalla Russia ai prodotti agroalimentari italiani hanno iniziato a farsi sentire anche in Piemonte con il blocco delle esportazioni di frutta.
Una raccolta del grano problematica e meno, situazione stabile per l’orzo e buone prospettive per mais e soia con sullo sfondo i prezzi in picchiata per tutte le produzione cerealicole.
E’ tempo di controlli sulla maturazione delle uve nei filari del Piemonte: sono iniziati nelle vigne di moscato i prelievi dei campioni per misurare le curve di maturazione delle uve.
La concomitanza di un insieme di fattori ha determinato una situazione drammatica per l’agricoltura piemontese.
E' veramente soddisfatto Danilo Merlo delegato di Giovani Impresa Coldiretti Asti a seguito dell'assemblea Coldiretti Giovani e Impresa che si è tenuta ieri sera a Cisterna d'Asti.
Un nulla di fatto voluto da chi non fa gli interessi dei viticoltori. È questa l’analisi sconcertante che Agrinsieme Moscato, il soggetto di rappresentanza agricola che raggruppa Cia, Confagricoltura e Alleanza delle Cooperative, fa della riunione della commissione paritetica che si è svolta martedì scorso a Torino con il coordinamento della Regione nella persona dell’assessore all’Agricoltura, Giorgio Ferrero.
Pagina 10 di 55