Si è tenuto ieri pomeriggio nella ex sala consiliare del Comune, in piazza San Secondo, la presentazione di "Dolci momenti astigiani", un cofanetto di idee regalo frutto della collaborazione tra diversi imprenditori astigiani che intende promuovere l'eccellenza del "made in Asti".
Si rafforzano i legami tra Canelli e la città “gemella” di Ganzhou. 
L'annuncio arriva direttamente da Vittorio Carlomagno, presidente di dell'Associazione Contribuenti Italiani, a margine del convegno "Il ruolo delle reti d'impresa per la crescita e lo sviluppo" tenutosi a Napoli.
Domenica, 07 Dicembre 2014 07:26

Natale 2014: 1 regalo su 2 sarà riciclato

Italiani campioni nel riciclo.
Tre giorni di consiglio comunale per imprimere una svolta significativa alla semplificazione e alla riduzione della burocrazia in Città.
Nella giornata del 4 dicembre le segreterie provinciali di CGIL e UIL e le rispettive RSU della Provincia si sono confrontate con il Presidente della Provincia di Asti, Fabrizio Brignolo e con il Vice presidente Marco Gabusi, sulla situazione dell'Ente in seguito alla riforma e all'insediamento del nuovo Consiglio Provinciale.
Non tutti i cittadini, le imprese e le pubbliche Amministrazioni sanno che sono responsabili in modo specifico dell’efficienza energetica dei propri impianti di riscaldamento e di condizionamento.
"Stupisce e preoccupa che, proprio nel momento in cui il Governo dedica impegno e risorse per valorizzare le produzioni Made in Italy e per rilanciare investimenti e consumi, in ambito europeo il risultato dell’azione della Presidenza italiana vada in direzione opposta”.“Prendiamo atto che l’Italia ha perso una grande occasione per difendere l’origine dei nostri prodotti e per valorizzare il patrimonio manifatturiero rappresentato da 596.230 imprese con 16.274.335 addetti, di cui il 58% in micro e piccole imprese fino a 20 addetti. Con questi numeri, se non è l’Italia a difendere l’identità delle produzioni, quale altro Paese europeo è più interessato?”.Confartigianato continuerà a battersi affinchè l’Europa riconosca e approvi l’obbligo di indicare il marchio ‘Made in’ sui prodotti al fine di garantirne la piena tracciabilità, come già avviene nei principali Paesi aderenti al WTO (ad es. USA, Giappone, Canada e Corea). Ne va della difesa del patrimonio manifatturiero dell’artigianato e dell’impresa diffusa, del diritto dei consumatori a una corretta informazione sull’origine dei beni acquistati, della lotta al grave fenomeno della contraffazione.
Ieri a Gallo Grinzane sono stati celebrati i 20 anni della Fondazione Banca d'Alba, una realtà unica in Italia la cui data di inizio è stato il 1° luglio 1994 a Vezza d'Alba e che ora conta altri tre centri medici di eccellenza come Gallo Grinzane, Asti e Albenga.
Pagina 8 di 148