Lunedì, 02 Settembre 2013 08:09

Denunciati in tre per porto abusivo di coltelli e manganelli: due risiedono nell'astigiano


Giravano con addosso o nascosti nelle loro auto armi improprie di ogni tipo: manganelli, grossi coltelli o pugnali. Così, nel corso di controlli notturni effettuati in città, i Carabinieri della Compagnia di Alba hanno denunciato in tutto tre persone alla locale Procura della Repubblica per il reato di porto illegale di armi ed oggetti atti ad offendere. Due dei denunciati risiedono in provincia di Asti.



Il primo a cadere nelle maglie dei controlli dei Carabinieri è stato un operaio 24enne pregiudicato di San Damiano d'Asti, sotto il sedile lato guida della sua Golf, aveva un grosso coltello da cucina ed un manganello in legno lungo più di mezzo metro con anima in ferro. Le armi sono state sequestrate e lui denunciato. 

Altro soggetto che girava armato è stato sorpreso a piedi ieri sera in Piazza Savona con addosso un pugnale ed un coltello a serramanico nascosti all'interno di un marsupio. Il giovane, un pregiudicato albese 30enne già noto ai Carabinieri, è stato denunciato e le armi sottoposte a sequestro.

Infine un 25enne macedone che vive a Canelli è stato sorpreso in località Mussotto con nascosti nel cofano della sua Fiat Punto tre manganelli ed un pugnale, tutti sottoposti a sequestro penale. L'auto invece circolava da oltre un anno senza assicurazione ed è stata confiscata.