Domenica, 30 Giugno 2013 12:23

Ruba cellulare in ipermercato e fugge: bloccato dai carabinieri nascosto in una vigna



E' finito in manette con l’accusa di furto aggravato e porto abusivo di armi un 25enne disoccupato ed incensurato macedone che vive in provincia di Asti. Mentre era all’interno del punto vendita di elettrodomestici e telefonia mobile in un ipermercato di Alba si faceva consegnare da un addetto un telefono cellulare di ultimo tipo per guardarlo meglio e, improvvisamente, col telefonino tra le mani fuggiva all’esterno della struttura commerciale oltrepassando le casse senza dichiarare nulla.

Prontamente inseguito da un addetto alla sicurezza che però perdeva le sue tracce una volta fuori dall’ipermercato. In quel momento transitava una gazzella del Radiomobile dei carabinieri di Alba a cui l’addetto riferiva ciò che era successo. I militari, richiesti rinforzi alla Centrale Operativa, avviavano le ricerche del ladro nelle campagne circostanti e lo sorprendevano nascosto disteso per terra tra le vigne a 500 metri dall’ipermercato con addosso il telefonino poco prima rubato ed anche un grosso coltello. Il cellulare, del valore di 300,00 euro, è stato riconsegnato al responsabile del punto vendita.

Ora l’arrestato si trova nelle camere di sicurezza della caserma, su disposizione del pm di turno e domani mattina sarà processato dal Tribunale di Alba con rito direttissimo.

Inoltre due donne romene, rispettivamente madre 54enne e figlia 21enne che vivono a San Damiano d'Asti, sono state denunciate sempre per furto aggravato. Avevano asportato da un negozio di profumi del centro storico alcuni cosmetici da donna del valore complessivo di 145,00 euro pagando in cassa solo uno shampoo in offerta da un euro. La titolare del negozio si è insospettita ed ha richiesto l’intervento dei carabinieri che hanno fermato le due donne mentre erano a piedi lungo via Maestra. In borsa la figlia aveva tutti i prodotti appena rubati che sono stati recuperati e riconsegnati alla negoziante.