Stampa questa pagina
Venerdì, 31 Maggio 2013 10:27

Liberalizzazioni del mercato energetico. La Casa del Consumatore fa chiarezza lanciando anche ad Asti il Progetto Energia

Giunge anche in Asti il progetto Progetto Energia - Incontri Territoriali, realizzato dalle Associazioni Consumatori facenti parte del CNCU con il contributo del Fondo Sanzioni Autorità Energia, che si propone l’obiettivo di rendere i consumatori più informati e consapevoli in merito alle scelte nel settore energetico.

L’iniziativa - spiegano dalla Casa del Consumatore di Asti assume un carattere di spiccata priorità soprattutto a seguito della liberalizzazione del settore energetico - e il conseguente ingresso di nuovi operatori sul mercato – che, se da una parte ha portato maggiore “mobilità” e un conseguente abbassamento delle tariffe a carico del consumatore, dall’altra ha sviluppato alcune criticità.

La Casa del Consumatore di Asti (via Pietro Micca, 11) allestirà, mercoledì 5 giugno, dalle 08 alle 18, un gazebo informativo nei pressi di piazza Campo del Palio (sul marciapiede adiacente alla gradinata che conduce alla piazza, in corso Luigi Einaudi, dirimpetto alla vecchia sede della Croce Verde di Asti). Per l’occasione sarà possibile sottoscrivere la tessera associativa – della durata biennale – al costo di soli 2 euro.

Promuovono il progetto, oltre alla Casa del Consumatore, altre 17 associazioni: Altroconsumo, Federconsumatori, ACU, ADOC, Adiconsum, Adusbef, Assoconsum, Assoutenti, Centro Tutela consumatori e utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori.

Tra le principali criticità sopravvenute con la liberalizzazione del mercato energetico, la Casa del Consumatore ne enumera quattro:.

Problemi di fatturazione, relativi cioè ad autolettura, consumi, conguagli, rimborsi e trasparenza delle bollette che hanno interessato il 44% delle persone;

- Le informazioni sul mercato, il cambio di fornitore e le pratiche commerciali scorrette (attivazione di contratti non richiesti, mancato diritto di ripensamento) hanno interessato il 18% dei contatti;

- La scelta del contratto con informazioni sull’applicazione delle tariffe, sulla voltura o sul recesso e i chiarimenti sulle tariffe ha interessato circa il 23%

- Il restante 15% si è interessato di allacciamenti, bonus, risparmio energetico e qualità tecnica e commerciale degli operatori.

Per ogni informazione, le associazioni di consumatori hanno attivato 45 sportelli sul territorio italiano, che coprono 19 regioni. Gli operatori degli sportelli e del numero verde, oltre a fornire risposte e soluzioni ai clienti del servizio elettrico e gas, possono:

Orientare i consumatori tra le diverse offerte commerciali (anche attraverso l’ausilio del sistema “trova offerte2 dell’AEEG

Informare ed educare il consumatore sul modo di sfruttare al meglio l’opportunità offerta dalla tariffa bioraria

Fornire assistenza per l’ottenimento del bonus sociale gas/energia o per il mantenimento dello stesso

Supportare il clienteche dovesse trovarsi di fronte ad un problema con il proprio gestore

Informare i cittadiniconsumatori su come controllare i propri consumi quotidiani e promuovere un consumo consapevole e il risparmio energetico.


Per maggiori informazioni:

Casa del Consumatore Asti
via Pietro Micca 11 (citofonare Euroservizi al piano terra)
Telefono: 0141/530197
Fax: 02/30133230
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.