Venerdì, 26 Aprile 2013 11:05

Retata di carabinieri e polizia penitenziaria di Asti con cani antidroga nei locali notturni

Si è conclusa una vasta operazione antidroga svolta in città dai carabinieri della Compagnia di Alba, 20 militari supportati da 5 unità cinofile specializzate nella ricerca di droga della Polizia Penitenziaria di Asti, che ha portato all’esecuzione di 8 perquisizioni domiciliari delegate dall’Autorità Giudiziaria, all’arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini si spaccio di sostanze stupefacenti di due giovani insospettabili, al sequestro di 45 pasticche di anfetamine ed altri 50 grammi di droga di vario tipo, alla segnalazione in Prefettura di 9 ragazzi consumatori di stupefacenti.

Si tratta dell’epilogo di un’indagine, condotta da alcuni mesi dai carabinieri, volta a contrastare lo spaccio e la diffusione degli stupefacenti soprattutto in ambienti frequentati dai più giovani quali discoteche e pub anche con la preziosa collaborazioni dei titolari dei locali pubblici i quali, di volta in volta, hanno segnalato ai militari alcuni elementi sospettati di spacciare la droga.

Ed è proprio seguendo le mosse di queste persine che i carabinieri sono riusciti a risalire a due insospettabili spacciatori. Un 30enne operaio del luogo, che abita al quartiere della Moretta, assiduo frequentatore dei locali notturni incensurato, il quale in casa aveva 45 pasticche di anfetamine e 2 grammi di marijuana oltre a vario materiale per la preparazione delle dosi. Per lui sono scattate le manette con l’accusa di spaccio ed è stato trasferito nel carcere di Alba su disposizione del P.M. dottoressa Donatella Masia. Ieri l’arresto è stato convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Alba e l’operaio è tuttora recluso.

Arrestata anche una commessa 20enne albese incensurata che in casa aveva 31 grammi di marijuana e numerosi semi di canapa indiana, un bilancino elettronico di precisione, tutto l’occorrente per confezionare la droga e 60 euro in banconote di piccolo taglio ritenute provento dell’attività di spaccio di stupefacenti. La ragazza è restata due giorni in camera di sicurezza ed è poi comparsa dinanzi al G.I.P. del Tribunale di Alba che ha convalidato l’arresto disponendone la scarcerazione in attesa del processo.

Altra droga è stata rinvenuta durante l’esecuzione delle altre perquisizioni domiciliari disposte dall’Autorità Giudiziaria. Complessivamente 20 grammi tra hashish e marijuana sequestrata a 9 giovani, tutti studenti od operai albesi e astigiani di età compresa tra i 19 ed i 24 anni, che sono stati segnalati alla Prefettura di Cuneo quali assuntori di sostanze stupefacenti.