Domenica, 31 Marzo 2013 05:30

Anagrafe degli eletti, Bono (M5S) insoddisfatto: "La retribuzione dei consiglieri deve scendere a 2500 euro/mese. Ora lo stipendio minimo è 6700 euro"

Davide Bono Davide Bono
Riceviamo e pubblichiamo una lettera di Davide Bono sulla pubblicazione dell'anagrafe degli eletti in Consiglio Regionale.

"Come detto a dicembre, la retribuzione dei Consiglieri regionali non è scesa come auspicato. In particolare la quota minima mensile si attesta sui 6700 € netti, già tolta la trattenuta di vitalizio e l'indennità di fine mandato e compreso l'inaccettabile rimborso forfettario di 4500 € (chi abita a Torino e predilige come me i mezzi pubblici per gli spostamenti non ha bisogno di tale somma), cioè più o meno come prima. Ha visto ridurre le proprie retribuzioni solo chi abita molto lontano da Torino e i famosi globe-trotter della politica. Oggi  infatti non si valuta più l'ubicazione della residenza né si fa differenza tra chi viene sempre in Commissione e chi mai.  

Io che sono l'unico Consigliere a non avere firmato la reversibilità del vitalizio, in quanto non intendo avvalermi di tale privilegio, con l'indennità di capogruppo arrivo a 7800€ netti al mese.

Il MoVimento 5 Stelle pertanto continua a ritenere non soddisfacenti queste riduzioni e ad assegnare ai propri Consiglieri regionali la somma di 2500 € netti al mese, più qualche decina di euro di rimborsi per spostamenti giustificati. L'eccedenza, com'è ormai noto, confluisce in un Conto Progetti utilizzato per la realizzazione o la contribuzione a "Progetti a 5 Stelle", vista l'impossibilità di lasciarla nelle casse della Regione Piemonte.

Sull'anagrafe degli eletti ribadisco quanto già detto a suo tempo: è facile per un politico nascondere dazioni lecite o illecite di denaro tramite intestazioni a moglie e figli o addirittura a prestanome, tramite le classiche fondazioni politiche o tramite paradisi fiscali. È quindi un inizio interessante, ma ancora inefficace nel contrasto alla corruzione/concussione/
peculato per cui servono precisi interventi legislativi nazionali che il nostro MoVimento presto proporrà. 

In ultimo sarebbe molto utile introdurre anche l'anagrafe politica dei Consiglieri con le attività svolte e i risultati ottenuti anche in raffronto al programma elettorale presentato agli elettori".


Davide Bono - Capogruppo MoVimento 5 Stelle Regione Piemonte