Mercoledì, 11 Febbraio 2015 18:02

Lunghi applausi all'Orchestra Bruni di Cuneo sul palco dell’Alfieri sabato scorso

Sessantacinque i musicisti dell’Orchestra Sinfonica “Bartolomeo Bruni” di Cuneo sul palco dell’Alfieri sabato scorso per “La casa degli spiriti”, un originale concerto organizzato dall’Orchestra Sinfonica di Asti con l’Assessorato Cultura del Comune.

Già il sottotitolo “Diavoli, streghe, demoni nell’immaginario musicale romantico” lascia intravedere il contenuto della proposta musicale.
Ad illustrarlo in apertura il pianista Massimiliano Génot che arricchisce inoltre, con il suo virtuosismo, tutta la prima parte del concerto, conclusasi con un fuori programma, ovvero una particolare interpretazione dell’inno nazionale francese, “La Marsigliese”, arrangiato da Franz Listz.

E gli applausi non mancano al primo violino Gianluca Allocco e soprattutto al direttore, il Maestro Claudio Morbo, che “vive” dal podio, trasmettendo emozioni e suggestioni, pagine tipiche della sensibilità notturna del Romanticismo.
Splendide le percussioni, poi un crescendo di violini e sul finale l’arpa e gli a solo di clarino e flauto traverso.

Programma impegnativo, di grande presa per la validità delle musiche eseguite, ma anche e soprattutto per la professionalità dei musicisti della Sinfonica cuneese con bravura ed entusiasmo diretti dal M° Morbo.