Sabato, 14 Febbraio 2015 09:22

Domani a Passepartout en hiver Paolo Cadeddu in ''Parole e motti dalla Grande Guerra''

"7 secondi", l'opera esposta di Manuela Mortara "7 secondi", l'opera esposta di Manuela Mortara
Paolo Cadeddu sarà il protagonista del prossimo appuntamento di Passepartout en hiver, in programma domani, domenica 15 febbraio alle 17.
Giornalista e scrittore, appassionato di storia locale e militare, parlerà dei neologismi sorti in trincea durante il primo conflitto mondiale. Molte parole derivanti dalla Grande Guerra ebbero diffusione anche nel linguaggio comune e nel dizionario italiano.

La ricerca di questi  vocaboli ha richiesto un’accurata rilettura di un ampio repertorio scritto prodotto nel periodo: i racconti manoscritti redatti dai sopravvissuti, le canzoni dei soldati, gli stornelli dei fanti, i giornalini di trincea, tutte fonti preziosissime dove veniva spesso usato un nuovo lessico in breve tempo adottato da tutti i soldati. Nello studio sono state riportate le espressioni più significative, alcune ancor oggi utilizzate con significato estensivo e moderno; una cinquantina di vocaboli quale segno indelebile della forza impressa nell’immaginario collettivo dalla Grande Guerra.

Esporranno per l’occasione gli artisti Manuela Mortara e Nicola Colucciello.

Promosso dalla Biblioteca Astense e dalla CNA Asti, Passepartout en hiver consiste in un ciclo di incontri con cadenza settimanale nell’ambito degli eventi che nel corso dell’anno si richiamano a Passepartout, il festival che avrà luogo a giugno.

Gli incontri si svolgono presso la Casa del Teatro, ad Asti, in via Goltieri 3.