Sabato, 31 Gennaio 2015 09:31

Fabrizio Brignolo sul bilancio di Asti: ''Dalla minoranza tante critiche ma poche proposte''

Riceviamo e pubblichiamo le considerazioni di Fabrizio Brignolo sul Bilancio 2015 del Comune di Asti.

"La discussione sul bilancio in consiglio comunale ha fatto registrare dalla minoranza, com'è ovvio, molte critiche, ma quasi nessuna proposta.

I consiglieri di opposizione si sono per lo più limitati a chiedere tutto e il contrario di tutto: hanno chiesto più soldi per i servizi sociali, l'istruzione, la cultura, le manutenzioni stradali e il verde, dimenticandosi però di indicare dove pescare le risorse necessarie.

L'unica ipotesi concreta di recupero di spesa è stata quella di non correre il Palio, ma lo stesso consigliere Lattanzio della Lista Galvagno, che l'ha formulata per primo (poi seguito da Anna Bosia e Cinque Stelle), si è affrettato a definirla come "solo un esempio", dopo esse stato sepolto da una selva di critiche.

La discussione ha quindi confermato che a fronte di oltre 7 milioni di euro di tagli, l'unico punto di equilibrio possibile è quello contenuto nella proposta di bilancio presentata al consiglio, che impone sacrifici, ma salva tutti i servizi senza aumentare le tasse e le tariffe. Cerchiamo inoltre di dare fiato all'economia cittadina facendo ripartire gli investimenti, grazie ai mutui che saranno fatti per ristrutturare le scuole (nel 2015) e per realizzare opere nelle frazioni (nel 2016) e grazie agli extra oneri di urbanizzazione che saranno impiegati per rinnovare il sistema di telecamere per la sicurezza della città, per sistemare argini e ponti sul Versa in corso Alessandria, per
realizzare la nuova strada di accesso al quartiere Praia, la riqualificazione di viale Pilone, etc.

Si devono invece registrare alcune interessanti proposte pervenute dai consiglieri di maggioranza  (e per la verità anche da alcuni consiglieri di minoranza) che hanno suggerito alcuni interventi (ad esempio sul fronte dei consumi di energia e calore, sul fronte delle prestazioni oggi erogate gratuitamente da parte del comune, quali concessioni dei teatri o degli impianti sportivi) che potrebbero consentire nei prossimi mesi di recuperare risorse da destinare al sociale.

Spero che nelle ultime sedute consiliari destinate al bilancio possa prevalere lo spirito propositivo e si possa trovare una convergenza con almeno parte della minoranza, su alcune azioni concrete che nei prossimi mesi potranno essere avviate nell'interesse della Città, che necessita di minori polemiche e più azioni che possano coinvolgere indistintamente maggioranza e minoranza."


Fabrizio Brignolo
Sindaco di Asti