Lunedì, 19 Gennaio 2015 17:21

E' stato un successo il primo appuntamento della rassegna invernale di Passepartout

Il primo appuntamento della rassegna invernale di Passepartout con Livio Musso, ieri domenica 18 gennaio, è stato un successo sotto ogni punto di vista: il teatro Alfieri pieno all’inverosimile e sul palco a dare al benvenuto al pubblico non solo le autorità locali, l’autore e gli artisti, ma anche Marco Scaglione, primario ad Asti di Cardiologia di fama internazione.

Infatti il pomeriggio era dedicato al “Cuore ed ai suoi affanni” e Livio Musso e l’editore Roberto Bona della Tipografia Astese Editrice, hanno deciso che una parte del ricavato della vendita del libro sarà messa a disposizione per contribuire all’acquisto di attrezzatura utile alla cardiologia.

Il prossimo appuntamento della rassegna Passepartout en hiver  sarà 25 gennaio 2015 Augusta Mazzarolli in Vita da Architetto.

Mazzarolli presenterà la propria vita professionale: dalla laurea (1969 presso il Politecnico di Torino con una tra le primissime Tesi in Urbanistica: "Standard Urbanistici" di recentissima emanazione DM 2.4.68 n.\444) al tempo attuale.
 
Il suo percorso può considerarsi articolato in tre grandi capitoli:il periodo astigiano, dal 1973 al 1988 , il periodo milanese presso la Gregotti Associati dal 1988 al 2002 e l’attività presso il proprio studio astigiano dal 1990 sino ai giorni nostri.
 
Proprio il periodo astigiano coincide con le grandi innovazioni urbanistiche introdotte dalla  legislazione, nazionale e regionale che, nel giro di un decennio: dagli anni '70 agli anni ^80, modifica e reimposta tutte le procedure unbanistico.edilizie.
Il Comune di Asti è in quel periodo punto di riferimento non solo a livello regionale, ma anche nazionale.
Principalmente per la innovativa procedura di recupero degli edifici nel Centro Storico, le Convenzioni attuative, le velocissime procedure di progettazione, esproprio, attuazione delle aree industriali PIP, aree in cui vengono ri-localizzate tutte le attività improprie del Centro Storico,
 
La prossima domenica Mazzarolli citerà aneddoti legati a personaggi, illustri e meno illustri, incontrati durante la mia lunga attività professionale.
 
In abbinamento, come oramai tradizione dell’edizione invernale di Passepartout vuole, l’esposizione di un artista della CNA , sponsor e co-organizzatore della rassegna  sarà Paolo Viola.

Nato a Napoli, Paolo Viola vive e lavora ad Asti.

Ha scritto di lui Paolo Levi “… in  ogni visione figurale inaugura un dialogo meditato tra l’intuizione creativa, immediatamente captata, e i colori che inondano la superficie di situazioni poetiche; ogni passaggio di colore  rappresenta  l’emozione, quel sentire intimo che si concretizza nell’insieme di una pittura, e che si fa racconto ricco di vibrazioni.”