Stampa questa pagina
Venerdì, 16 Gennaio 2015 07:23

Domani incontro di Studio sul Restauro del Paesaggio alla Cascina Albarossa di Nizza Monferrato

A Nizza Monferrato la giornata di domani, sabato 17 gennaio, sarà dedicata all'approfondimento delle tematiche del restauro e della valorizzazione del paesaggio, che assumono una crescente importanza in virtù del recente riconoscimento, da parte dell'Unesco, a "Patrimonio dell'Umanità" dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato. 
Nel prossimo mese di febbraio, infatti, verrà rimosso un capannone agricolo con conseguente riqualificazione del sito e  l'attenzione si porrà sullo studio dal titolo "Il Restauro del Paesaggio attraverso la demolizione dei capannoni: il caso di studio della cascina Albarossa di Nizza Monferrato", a cura degli Architetti Andrea Capellino, Giuliano Gianuzzi e della Paesaggista Veronica Evelina Ragogna.

L'appuntamento sarà alle ore 10.00 presso l'Agriturismo Albarossa, Strada Bricco 49 con l'ufficiale apertura dei lavori e il saluto delle Autorità. 

Alle ore 10.15 il Presidente del Centro Studi sul paesaggio culturale del Monferrato, Maria Rita Mottola, illustrerà i temi della salvaguardia e valorizzazione dei paesaggi di Langhe- Roero, seguito dal Direttore di SITI, Giulio Mondini, che interverrà sull'economia e valori della qualità del paesaggio. 

Alle 10.45 Roberto Cerrato, Presidente del Centro Studi sul Paesaggio culturale delle Langhe, metterà in evidenza il paesaggio vivente in trasformazione come forma di cultura e identità di un territorio, seguito a ruota dal Presidente dell'Ordine dei Dottori agronomi e forestali della Provincia di Asti, Marco Devecchi. 

La parola passerà ai proprietari dell'Agriturismo Albarossa, Maria Evi Volpato e Karl Goran Karlsson, per illustrare le ragioni di una scelta a favore della qualità del paesaggio del Monferrato. Le riflessioni conclusive competeranno al Coordinatore della rete degli Osservatori del paesaggio del Piemonte, Valerio Di Battista. 

Alle 12.00 l'interessante visita al sito di intervento.
 
 
Elisa Grasso