Martedì, 13 Gennaio 2015 20:35

Ordine del giorno del Consiglio provinciale di Asti, in merito al ricorso al TAR

Il consiglio provinciale di Asti prende atto delle modifiche alla Dgr 600/2014 annunciate ieri dall'assessore Saitta e rileva che le stesse delineano un assetto decisamente diverso da quello contenuto nell'originario provvedimento che risultava inaccettabile per il territorio astigiano.

L'assetto risultante all'esito delle modifiche è senza alcun dubbio migliorativo e gli approfondimenti e aggiustamenti, pur ulteriormente necessari, potranno essere affrontati in sede di organizzazione interna al quadrante, nell'ambito di un rapporto dialettico tra le Aziende interessate e l'Assessorato regionale alla sanità.

Si ritiene quindi opportuno operare affinché tale nuovo assetto si consolidi anche attraverso il necessario gradimento da parte del tavolo ministeriale.

Con riferimento al ricorso al TAR, deciso dalle amministrazioni locali come strumento ritenuto indispensabile ad evitare il consolidamento degli effetti giuridici della originaria delibera, si ritiene che lo stesso non debba invece essere utilizzato come mezzo di contestazione del nuovo assetto prospettato dall'Assessore Regionale, che supera tale esigenza.

Sarà quindi opportuno soprassedere dalla presentazione, o ritirare il ricorso, relativo alla originaria deliberazione, non appena si raggiungeranno sufficienti certezze dell'accoglimento da parte del tavolo ministeriale del nuovo assetto annunciato nell'incontro di ieri, che sarà nel frattempo formalizzato dalla Regione, unitamente agli impegni assunti in relazione alla Valle Belbo e alla Cinica S.Anna.