Mercoledì, 31 Dicembre 2014 08:28

Botti di fine anno, fioccheranno davvero le multe?

Durante le festività di fine anno, insieme a regali e cibi di ogni sorta, arrivano puntuali i botti: come antica tradizione vuole, il rumore dovrebbe allontanare gli spiriti maligni nel passaggio dal vecchio al nuovo anno. 
Numerose sono le città che hanno emesso ordinanze che ne vietano l'uso, anche ad Asti il Sindaco Fabrizio Brignolo ha più volte invitato i cittadini a trovare alternativi modi di divertimento, prevedendo sanzioni fino a 500 euro e il sequestro dei botti da parte degli addetti ai controlli.
 
Ma ovviamente non bastano i divieti a rendere coscienti le persone del pericolo legato a questa tradizione; da alcuni giorni sono diversi i cittadini astigiani che si lamentano delle vere e proprie esplosioni, in centro e in periferia.
 
Da piazza Roma, dove scoppiano petardi di tale potenza "da far tremare i vetri delle abitazioni" come commenta una nostra lettrice su Facebook, per non parlare delle deflagrazioni che spaventano nel corso della notte in altre zone periferiche della città.
 
Lo scorso anno furono molti gli astigiani a constatare come l'ordinanza, la prima in Piemonte, fu del tutto disattesa, dalla stessa Piazza San Secondo a Corso Casale, corso Alessandria, corso Savona e molte altre aree cittadine, constatando anche la poca presenza di addetti ai controlli, tant'è che fino all'alba i botti fecero cattiva compagnia agli astigiani.
 
Cosa succederà questa notte?

s.c.