Martedì, 25 Novembre 2014 20:43

Ad Asti una settimana di eventi per abbattere gli invisibili confini della disabilità

Si è svolta questa mattina in Comune la conferenza stampa per illustrare le iniziative legate alla giornata della disabilità, che si tiene il 3 dicembre di ogni anno. Per approfondire al meglio questa questione, gli assessorati alle politiche sociali e istruzione della Città, organizzano una settimana di incontri sul tema dall’1 al 6 dicembre. 
Gli eventi ruoteranno attorno al tema “Che cosa non sai di me che ti voglio dire?”. Tutte le iniziative saranno ad ingresso libero. Ricco il parterre delle associazioni che hanno partecipato all'evento, come ha sottoolineato lo steesso assessore ai servizi sociali Piero Vercelli: AMA (A. Missione autismo), AUTOAIUTO, AISM (A.Italiana Sclerosi Multipla), APRI (A. Proretinopatici e Ipovedenti), APA (A. Parkinsoniani), AUSER, ANFFAS (A:Nazionale persone con disabilità intellettive e relazionali), CEPIM (Centro Piccoli Down),  ARCOBALENO, AISLA (A.Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica), ENS (Ente nazionale sordomuti), UIC (Unione Italiana Ciechi), Associazione Alzheimer, Gruppo Sportivo PEGASO, TELETHON., l’Istituto Casa di Carità Arti e Mestieri gli attori Aldo Delaude, Alessio Bertoli e Dario Cirelli delle Case del Teatro, lo Sportello Unico Socio Sanitario di ASL AT,  l’Ufficio Scolastico Territoriale, le educatrici del Servizio di Educativa Territoriale Disabilità e del Servizio Istruzione del Comune di Asti, Asti Studi Superiori (Astiss), il Centro Servizi del Volontariato.

Si inizia con il cinema, con le pellicole domenicali della rassegna Diverso da chi? alla Casa del teatro di via Goltieri (si concluderà domenica 30 alle 18.30  con Le pagine della nostra vita) e poi con le scuole in Sala Pastrone con Nemo (per le scuole primarie) e Rosso come il cielo (per le secondarie di primo grado), allo spettacolo teatrale “Il Congresso” lunedì 1 dicembre alle ore 21 al Piccolo Teatro Giraudi di piazza san Giuseppe con la compagnia   dell’associazione Terapia d’arte.

Martedì 2 dicembre alle ore 21.30 sempre al Piccolo Teatro Giraudi,  si terrà “Il concerto per il futuro” con la nota compagine astigiana La Locanda delle Fate, salita alla ribalta del rock negli anni ’70 riscuotendo ampi consensi anche all’estero.

Gli Atelier “Che cosa non sai di me che ti voglio dire” giovedì 4 dicembre al Palazzo dell’Enofila in C.so F. Cavallotti 45/47, con le scuole secondarie di secondo grado in collaborazione con le Case del Teatro. Gli studenti, attraverso un percorso a tappe allestito con tecniche di teatro e di simulazione, con il fattivo contributo di persone disabili, saranno sollecitati a riflettere e ripensare i loro modi di considerare le diversità e la disabilità. Interviste peer to peer a cura da una classe dell’IPSIA  Andriano di Castelnuovo Don Bosco.

Farà parte del programma anche il l Convegno “Per una società inclusiva” mercoledì 3 dicembre, Giornata internazionale dedicata alla disabilità. Alle ore 15 nell’Aula Magna di Asti Studi Superiori, coordinato da Vincenzo Soverino, consulente alle Politiche Sociali del Comune di Asti e Vice presidente nazionale Aisla, e con l’intervento di Liliana Baroni presidente nazionale dell’ Associazione nazionale genitori di soggetti autistici (Angsa) e di Martina Gado docente referente provinciale sostegno alla persona di UST Asti. Verranno presentate  buone prassi di integrazione nella scuola (infanzia paritaria N.S: Purificazione/Anffas, primaria A. Frank/Cepim, secondaria primo grado Brofferio/AMA, Istituto G.Penna/Pegaso, Castigliano) e non solo dando ampio spazio ai contributi che i presenti vorranno assicurare.

Sarà poi il Mercatino di “UNa Tale Solidarietà”, sabato 6 dicembre dalle ore 10.30 alle 18.30 all’Enofila di c.so F. Cavallotti 45/47, come da tradizione allestito con la collaborazione delle scuole astigiane e quest’anno con il coinvolgimento delle associazioni, a creare festa e contribuire a destinare il ricavato a un progetto locale specificamente rivolto a ragazzi con disabilità.
 

Alessandro Franco