Sabato, 15 Novembre 2014 09:14

Brevi dal Consiglio Regionale del Piemonte

Alcuni flash delle attività del Consiglio regionale piemontese.
Seduta dell’11 novembre

Cambiano i criteri per l’accesso al buono scuola. Secondo quanto approvato dal Consiglio regionale, per accedere al contributo, il nucleo famigliare dell’allievo dovrà avere una situazione reddituale Isee uguale o inferiore a 26 mila euro (prima erano 40 mila). L’Assemblea di Palazzo Lascaris ha anche approvato il rendiconto della Regione Piemonte per l’anno 2013. Il documento accerta un disavanzo di 2 miliardi e 656 milioni di euro, così come certificato dalla Corte dei Conti.

Documenti approvati in Aula

Il Consiglio regionale, sempre nella seduta dell’11 novembre, ha approvato tre documenti. Il primo impegna la Giunta a evitare che la modifica del progetto per l’interconnessione della linea ferroviaria Torino-Ceres con il passante ferroviario comporti aggravi di spesa. Il secondo chiede di sospendere una deliberazione del 2013 che separa l’organizzazione del 118 da quella della rete ospedaliera. Approvato anche il documento che chiede alla Giunta di intervenire presso il Governo per escludere dal patto di stabilità le spese per istruzione e trasporto.

Piemonte nello spazio

Il 12 novembre la missione Rosetta, dopo dieci anni di viaggio nello spazio, ha raggiunto la cometa P67. Nell’occasione, l’11 novembre, lo scienziato cuneese Bruno Gardini, pensionato per raggiunti limiti di età dall’Esa, responsabile di Rosetta per 15 anni, è stato ricevuto a Palazzo Lascaris dai presidenti Mauro Laus e Sergio Chiamparino.

Collezioni minime

Riprende il progetto “Collezioni minime a Palazzo Lascaris” con l'esposizione di due teche con reperti delle collezioni del Museo regionale di scienze naturali inaugurate il 12 novembre. Fino all'11 gennaio nell'ingresso del palazzo sono esposti esempi di morisia, una rara pianta originaria di Sardegna e Corsica.

Seduta del 4 novembre

L’Assemblea di Palazzo Lascaris ha approvato la legge che riduce del 10 per cento le indennità dei consiglieri regionali, che partirà già dal mese di novembre. Nella stessa seduta il presidente Mauro Laus ha chiesto un minuto di silenzio per ricordare le 70 vittime dell’alluvione che, vent’anni fa, colpì 780 comuni delle province di Cuneo, Asti e Alessandria, oltre che del Torinese e del Biellese. È stata anche deliberata il Piano di dimensionamento delle autonomie scolastiche per l’anno 2015-’16. Tra le novità, gli accorpamenti delle scuole per raggiungere la media di 950 alunni per istituto.

Un fiume di ricordi

È stata presentata il 4 novembre a Palazzo Lascaris la mostra fotografica “Un fiume di ricordi”, con le istantanee di dieci fotografi che seguirono l’alluvione del 5-6 novembre 1994. L’esposizione, itinerante, dopo la tappa di Alba arriverà, entro dicembre, in diversi comuni della regione.

Giornate di sangue a Torino

Terzo incontro, alla Biblioteca della Regione Piemonte, del Caffè letterario settimanale, per conoscere autori ed editori piemontesi, in calendario fino al 18 dicembre. Questa settimana è stato presentato il libro “Giornate di sangue a Torino” di Francesco Ambrosino.

Venticinquennale dell’abbattimento del Muro di Berlino

Trenta studenti di 22 scuole superiori piemontesi che hanno vinto il concorso della Consulta regionale europea hanno partecipato il 9 novembre alle cerimonie per l'anniversario dell'abbattimento del Muro di Berlino. In programma anche la visita al Museo del Muro e alla Casa Museo al Checkpoint Charlie.