Domenica, 31 Agosto 2014 14:31

Associazione Via Madre Teresa di Calcutta, l'angelo custode del verde di Valgera

Alcuni volontari dell'Associazione Via Madre Teresa di Calcutta: seduti Luigina Rosso e Angelo Gragnolati, in piedi da sinistra Ezio Giorgis e Adriano Quaglia Alcuni volontari dell'Associazione Via Madre Teresa di Calcutta: seduti Luigina Rosso e Angelo Gragnolati, in piedi da sinistra Ezio Giorgis e Adriano Quaglia
C'è una piccola grande realtà nella periferia di Asti che da anni dimostra di amare il suo quartiere e vi si dedica con forza e passione: è l'Associazione Via Madre Teresa di Calcutta Pontesuero Valgera.
 
Volontari che si battono a difesa della vivibilità dell'area che si espande tra la collina di Valgera e si estende fino a Pontesuero.
 
Tante le attività e i successi ottenuti fin dal 1998; l'ultimo rappresenta un esempio virtuoso: dal 2013 l'Associazione ha avuto in gestione dal Comune di Asti l'area sovrastante la zona del vecchio fontanino, che una decina di volontari tiene pulita con interventi di manutenzione che vanno dallo sfalcio dell'erba alla raccolta dei rifiuti che qualche fruitore dell'area lascia come ricordo del proprio passaggio.
 
"La nostra associazione si è molto battuta a difesa dell'ambiente del quartiere - spiega Angelo Gragnolati, presidente dell'Associazione - in particolare, negli ultimi anni, per il recupero dell'area verde vicino a dove, fino a vent'anni fa c'era il fontanino, una fonte naturale che formava uno stagno. Poi si asciugò e l'area diventò a poco a poco una discarica. Su nostra iniziativa nel 2008 il Comune di Asti intervenne con un investimento di 70 mila euro per bonificare l'area e costruirne, a lato, due campi molto utilizzati dai giovani del quartiere, dedicati a Don Giacomo Accossato, per 50 anni nostro parroco. Dal 2013 l'Associazione ha avuto in gestione dal Comune di Asti l'area sovrastante, la naturale continuazione dell'area del fontanino, che curiamo con passione grazie all'attività di volontariato di alcune persone del quartiere."
 
Alcuni di questi eco volontari ci hanno accompagnato nella visita dell'area, che domenica prossima, 7 settembre, ospiterà la decima edizione di Bimbi In Festa, manifestazione ormai diventata un tradizionale momento di aggregazione per grandi e piccini.
 
"Abbiamo piantato diversi alberi, alcuni donati dai Vivai Pregno, altri regalati da alcuni privati, altri acquistati dell'Associazione - spiegano, insieme a Gragnolati, Adriano Quaglia, Luigina Rosso ed Ezio Giorgis, alcuni dei volontari anima di questa vivace associazione - Inoltre, alcuni privati che abitano in cima alla collina sotto la nostra gestione, ci forniscono gratuitamente l'acqua per bagnare prati e alberi".
 
Gestire un'area così vasta come volontariato da il suo da fare. "Quest'anno abbiamo già dovuto fare lavori di taglio dell'erba tre volte. - spiega Adriano Quaglia - Quando ci accorgiamo che è ora di tagliare erba, c'è chi incomincia con il suo decespugliatore, gli altri lo vedono e si aggregano. Inoltre, per i grandi lavori, ci dà una mano Oscar Ferraris, con i suoi mezzi."
 
"Poi bisogna stare attenti a riparare i danni da atti vandalici - prosegue Gragnolati - più di una volta abbiamo trovato le staccionate o le panchine rotte, che diventano pericolose. E' Ezio Giorgis che interviene come volontario mettendo a disposizione dell'Associazione la sua professionalità di falegname ed è sempre lui che ha fatto i ponticelli e gli arredi in legno".




Lo stesso Giorgis, insieme alla moglie Luigina Rosso, sono ecovolontari che, insieme ad altre famiglie, curano le piante nei vasi prima che queste siano pronte per essere piantate nel parco. "Lo faremo verso novembre -  precisa Luigina - che è il momento migliore, seguendo i ritmi dettati dalla natura".
 
Una delicata anima verde in un quartiere di Asti che loro stessi definiscono "povero", ma ricco di spirito di iniziativa per il bene di tutta la comunità.
 
Claudia Solaro