Martedì, 24 Giugno 2014 08:44

Costigliole, foodblogger a Di Vigna in Vignetta e sabato 28 "Parola di donna"

Le Donne del Vino del Piemonte hanno promosso la cooking class nelle aule dell’Icif: alle prese con aspic, bunet, ravioli e marmellata e sabato 28 nuovo appuntamento con l'incontro "Parola di donna".

La marmellata di pere di San Giovanni con la chef Marina Ramasso (ristorante del Paluch, Baldissero Torinese), i segreti dell’aspic alla piemontese di Maria Lovisolo (ristorante Violetta di Calamandrana, Asti), l’inconfondibile bonet di Alessandra e Anna Bardone (ristorante Del Belbo da Bardon, San Marzano Oliveto, Asti), la sontuosa sfoglia dei ravioli di Mariuccia Bologna (trattoria I Bologna di Rocchetta Tanaro, Asti): è stata una giornata golosa e speciale quella promossa dalle Donne del Vino del Piemonte sabato scorso, all’interno della manifestazione Di Vigna in Vignetta a Costigliole.

Alcuni tra i migliori food blogger provenienti da tutta Italia (ma anche dal Giappone e dalla Germania) si sono ritrovati nelle cucine dell’Icif per apprendere i segreti delle tradizionali ricette locali svelati dalla viva voce e dai gesti esperti delle nostre cuciniere.

Non è mancato un pranzo al Castello - con le portate preparate dai blogger sotto la guida delle cuoche e i vini delle Donne del Vino del Piemonte -, una visita completa dell’Icif e un intervallo per ammirare le 100 tavole dell’esposizione “Di Vigna in Vignetta”, sull’intreccio inesauribile tra vino e humor, che prosegue fino al 29 giugno (sabato con orario 15-20 e domenica 11-20) al castello di Costigliole. Ingresso libero.

Sabato 28 giugno alle 17,30, sempre al Castello di Costigliole, appuntamento con “Parola di donna”, la confessione laica tra le produttrici Pia Donata Berlucchi e Marilena Barbera. Dalla Franciacorta alla Sicilia, dalle vigne di collina alle vigne di mare, dalle bollicine più conosciute d'Italia al Nero d’Avola vendemmiato in notturna: l’incontro tra queste signore del vino, sollecitate dalle domande del giornalista Sergio Miravalle, porterà in luce analogie e differenze tra due generazioni e due stili.