Stampa questa pagina
Martedì, 03 Giugno 2014 11:09

Il “Giardino degli amici” si svela a Verdeterra sabato 7 giugno: aperte le prenotazioni

Nella foto: il “Giardino di Arianna”, visitato ad Asti nella scorsa edizione di Verdeterra Nella foto: il “Giardino di Arianna”, visitato ad Asti nella scorsa edizione di Verdeterra

Si chiama “Giardino degli amici” perché ogni albero o seme, che poi ha generato una pianta o un arbusto, sono stati regalati da persone care ai proprietari di casa.

L’originale angolo verde sabato 7 giugno costituirà la prossima meta di Verdeterra, rassegna ideata dall’Associazione culturale Comunica con il sostegno, tra gli altri, della Fondazione CRT: per chi frequenta la manifestazione, quest’anno alla decima edizione, la visita ai giardini privati rappresenta da sempre un momento speciale. Il cancello di casa si apre per consentire ai visitatori di ammirare le bellezze del giardino, le sue rarità, approfondire scelte e gusti dei proprietari insieme alla cura e al rapporto affettivo che essi hanno saputo coltivare nel tempo con le varie presenze botaniche.

Ci saranno molte curiosità da svelare visitando il giardino di Vigliano, spazio naturale creativo e accogliente compreso entro le mura esterne di Casa Matisse (e anche questa denominazione, fissata sulle colline dell’Astigiano, sarà un particolare da svelare).
La visita, condotta dagli stessi proprietari Marina Delle Piane e Gianfranco Miroglio, inizierà alle 16: non mancheranno alcuni donatori di piante e semi che hanno fatto più bello il giardino.
Durante il pomeriggio ci saranno sorprese e pillole narrative, in cui entreranno anche fossili e balene: il grande scheletro della Viglianottera fu ritrovato nel 1959 a poca distanza da Casa Matisse, la cui posizione - volendo usare il sogno e tornare molto indietro nel tempo - le consente di farsi immaginare come una rotonda sul mare… padano.

L’accesso al “Giardino degli amici” sarà permesso alle prima trenta persone che si prenoteranno al 335.6672029. Le iscrizioni sono già aperte, i posti in parte già coperti: conviene affrettarsi.