Martedì, 03 Giugno 2014 09:26

Riparte "Echi d'Infinito", la rassegna che riflette sul cancro

Nella foto, Carla Manera ed Andrea Mattana dietro le quinte di Echi d'Infinito Nella foto, Carla Manera ed Andrea Mattana dietro le quinte di Echi d'Infinito

Riparte da Alba l’evento che ha accompagnato i Villanovesi lo scorso ottobre con sei serate di spettacolo, riflessione ed approfondimento sulla malattia del secolo.

Parliamo di Echi d’Infinito, ideato dal cantante ed attore astigiano Andrea Mattana che lo mise a punto dopo la dipartita della madre Alma Renon, scomparsa a soli 55 anni dopo una coraggiosa lotta contro il cancro. Durante il suo cammino, Mattana ha conosciuto molte altre famiglie colpite e trasformate da questo male; da qui, la collaborazione con l’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro) e quella con Carla Manera, insegnante di alto livello nel campo della danza, conosciuta in tutta Italia, con un curriculum colmo di partecipazioni a spettacoli televisivi nel ruolo di  ballerina e coreografa ed eventi nei maggiori teatri d’Europa.

“Conosco Carla da cinque anni e ad oggi abbiamo tanti progetti in corso a favore di molte associazioni e non solo. Per me è un onore poter lavorare con lei, una stella della danza che ad un certo punto della sua carriera professionale ha deciso di abbandonare in parte i grandi palchi per dedicarsi alla famiglia, seppur continuando con l’insegnamento”, racconta Mattana, e prosegue: “ pochi mesi dopo aver concluso “Echi d’Infinito” a Villanova d’Asti, anche la sua famiglia si è dovuta scontrare con la malattia. Lo spettacolo in programma per domenica sarà infatti dedicato a suo padre Giovanni, un uomo che l’ha sempre sostenuta ed amata, senza mancare mai una volta ad una sua esibizione; ora non è più su questa terra ma le persone vivono in noi e con noi anche attraverso la musica ed i movimenti ed abbiamo il dovere di tenere alto il loro ricordo”. Lo spettacolo dal titolo “Echi d’Infinito – sulla strada dell’arte”, si svolgerà domenica 8 giugno alle ore 21 presso il Teatro Sociale di Alba.