Mercoledì, 26 Febbraio 2014 18:16

Sabato 1 Marzo a Chieri il meeting programmatico delle Associazioni Alzheimer del Piemonte

L’Alzheimer è una delle malattie più drammatiche a cui far fronte e, sfortunatamente, i dati parlano di un aumento dell’incidenza anche nella nostra Regione.

Nel far fronte alle tante necessità di assistenza del malato e di aiuto ai familiari sono sorte in tutta la regione associazioni dedicate, protagoniste negli ultimi mesi di un impegno, trattato anche da giornali e televisioni, finalizzato a scongiurare l’aumento delle quote a carico degli ammalati di Alzheimer. Una trattativa che è continuata in questi mesi presso la Regione per poter dare certezza e regole a chi è sfortunatamente interessato dalla questione. Ma oggi, con la decadenza della Giunta Regionale guidata da Roberto Cota, si è in attesa di poter avere i nuovi interlocutori istituzionali che usciranno dal responso elettorale, per poter riavviare la trattativa.

Per analizzare la situazione dei Servizi Sanitari e Assistenziali rivolti ai malati di Alzheimer e di demenza sul territorio Piemontese e arrivare a definire una proposta comune per la presa in carico e la gestione dei percorsi di malattia da parte delle ASL Piemontesi, le Associazioni Alzheimer piemontesi sono invitate al meeting programmatico previsto per sabato prossimo 1 marzo presso “Casa Maggio”, in via Palazzo di Città 18 a Chieri.

“Dopo le sentenze dei giudici amministrativi che, a raffica, hanno bocciato le politiche della Regione sull'assistenza ai non autosufficienti, viene a mancare la certezza delle regole. La conseguenza possibile – puntualizzano gli organizzatori, l’Ama Chieri presieduta da Guido Mantovani e l’AIMA Biella guidata da Franco Ferlisi - è che le persone già provate dalla malattia debbano individualmente far valere i propri diritti, come se l’istituzione regionale non avesse responsabilità di governo e quindi non si debba assumere le conseguenze delle proprie scelte, mentre nulla è più indifferibile e urgente che garantire il diritto alle cure. Per questo è importante che noi ci confrontiamo per elaborare proposte comuni e responsabili da sottoporre agli organi Regionali.”

Ad occuparsi del delicato tema dell’Alzheimer sono le associazioni AMA Chieri, AIMA di Biella, AFA VCO di Verbania, AIMA di Borgomanero, AIMA di Vercelli, AIMA di Alessandria, AIMA di Asti e Alzheimer Piemonte invitate a discutere sabato a Chieri un programma comune da presentare alla nuova giunta che sarà nominata dopo le elezioni.