Mercoledì, 26 Febbraio 2014 09:54

Estorti più di 10.000 euro a un astigiano, i Carabinieri arrestano una coppia milanese

Estorsione persecutoria e minacce di morte nei confronti di un astigiano di 33 anni.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti e della Stazione di Montemagno (AT), a conclusione di una attività di indagine scaturita dalla denuncia presentata presso i Carabinieri della Stazione di Montemagno dalla parta lesa, hanno arrestato D. G., pregiudicato 40enne, residente a Milano e P. D., 34enne, anch’essa residente a Milano.

La coppia, da circa un anno, aveva posto in essere un’ azione estorsiva fortemente persecutoria ai danni di un cittadino dell'astigiano, consistente in varie richieste di denaro, aggravate da minacce di morte nei confronti dello stesso. Le continue pressioni esercitate dai due malfattori nei confronti dell’uomo - che peraltro in questo ultimo periodo è in cerca di occupazione - e l’impossibilità di aderire alle continue richieste di denaro, hanno costretto quest’ultimo a chiedere in prestito somme di denaro ad amici e parenti, fino a quando, ormai allo stremo delle forze psicologiche, ha chiesto aiuto ai Carabinieri. I militari, hanno documentato che la vittima, in questo ultimo anno ed in più riprese, ha consegnato alla coppia milanese, la somma complessiva di circa 10.000 euro, per mezzo di consegne “brevi manu” di denaro in contante e di varie ricariche delle carte poste pay in utilizzo ai due estorsori. Nel tardo pomeriggio di ieri, in Asti, la vittima ha incontrato, per l’ennesima volta, i suoi tormentatori i quali gli avevano imposto la consegna di una ulteriore somma di denaro di circa 200 euro. L’incontro, al quale hanno assistito all’insaputa della vittima, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Asti e i colleghi della Stazione di Montemagno che avevano deciso di seguirlo con discrezione, si è concluso con la consegna della somma di denaro e con una ulteriore richiesta di più contante poiché quello consegnato era insufficiente. Il conseguente intervento dei Carabinieri, che hanno arrestato la coppia, ha consentito il recupero della somma poco prima “versata” dallo sventurato. Al riguardo, le investigazioni hanno evidenziato un vecchissimo rapporto di amicizia tra la vittima e gli arrestati, relazione che con il tempo si è tramutata in vessazione. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Asti - Ten. Col. Fabio Federici ha evidenziato “quanto sia importante il ruolo della Stazione Carabinieri, che anche nei luoghi che appaiono più tranquilli ed isolati fornisce quel giusto senso di fiducia a quei cittadini che sono in grande difficoltà e pertanto non sono mai soli, perché il Maresciallo è al loro fianco, così come le Istituzioni che rappresenta” .