Lunedì, 27 Gennaio 2014 12:31

Asti, nuovo bando per il contributo al pagamento dei canoni di affitto per l'anno 2012

Il Comune di Asti – Assessorato ai Servizi Sociali – Settore Politiche Sociali, Istruzione e Servizi Educativi - comunica l’apertura del bando per accedere al contributo per il sostegno alla locazione relativo ai canoni di affitto pagati nel 2012.

Il cosiddetto “contributo affitto” è un sostegno economico che può essere erogato a titolari di regolare contratto di locazione in relazione al reddito posseduto e ad altri requisiti volti a favorire i nuclei familiari che si trovano in particolari situazioni di debolezza sociale.
La domanda deve essere redatta sull’apposito modulo fornito dal Comune presso il quale il richiedente aveva la residenza alla data del 28.11.2013 e presentata da lunedì 3 febbraio 2014 entro e non oltre le ore 12 di lunedì 3 marzo 2014.
Il bando e il modello di domanda possono essere reperiti al Settore Politiche Sociali, Istruzione, Servizi Educativi - Sportello Sociale – Via de Amicis 6, all’U.R.P. - Ufficio Relazioni col Pubblico - Comune di Asti in Piazza S. Secondo e sul sito internet del Comune di Asti.
Le domande devono essere consegnate al Settore Politiche Sociali, Istruzione, Servizi Educativi – Sportello Sociale.
Può presentare domanda di accesso ai contributi il conduttore di alloggio in locazione se appartiene ad una delle seguenti categorie: titolari di pensione, lavoratori dipendenti e assimilati, soggetti con invalidità pari o superiore al 67% lavoratori che siano stati sottoposti a procedure di mobilità o licenziamento nell’anno 2012 e che, alla data del 28.11.2013 siano ancora in attesa di occupazione. Questi soggetti,devono aver percepito, nell’anno 2012, un reddito annuo complessivo fiscalmente imponibile non superiore a  € 12.506,00 rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti superiore al 20 %.
I redditi da considerare sono dati dalla somma dei redditi complessivi, relativi all’anno 2012, di ciascuna delle persone che compongono, anagraficamente, il nucleo familiare alla data del 28.11.2013 .
Il reddito annuo di tale nucleo familiare sarà diminuito, di € 516,46 per ogni figlio a carico convivente con il richiedente e appartenente al nucleo familiare.
Non possono accedere al fondo, oltre a coloro che non possiedono i requisiti sopra descritti:
- i conduttori di alloggi di categoria catastale A1, A7, A8, A9 e A10;
- gli assegnatari nell’anno 2012 di alloggi di edilizia sociale;
- i conduttori di alloggi beneficiari di contributi ricevuti tramite le Agenzie Sociali per la locazione;
- i titolari (siano essi richiedenti o componenti del nucleo familiare) di diritti esclusivi di proprietà (salvo che si tratti di nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili di categoria catastale A1, A2, A7, A8, A9 e A10, ubicati in qualunque località del territorio nazionale;
- i titolari (siano essi richiedenti o componenti del nucleo familiare) di diritti esclusivi di proprietà (salvo che si tratti di nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili di categoria catastale A3, ubicati sul territorio della provincia di residenza;
- i richiedenti e qualsiasi altro componente del nucleo familiare titolari di diritti parziali di proprietà (salvo che si tratti di nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione, la cui somma corrisponda alla titolarità esclusiva, su uno stesso immobile di categoria catastale A3, ubicato sul territorio della provincia di residenza.
Infine, non possono accedere al Fondo sostegno locazione i cittadini di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, se non sono residenti in Italia da almeno 10 anni oppure nella Regione Piemonte da almeno 5 anni, con riferimento alla data del 19 dicembre 2013.